Come dimensionare un gruppo elettrogeno per uso domestico da 3 kW e 5 kW

Questa pagina sul come dimensionare un gruppo elettrogeno è di ausilio alle persone senza preparazione tecnica specifica alla comprensione dei parametri fondamentali del gruppo elettrogeno. 

Come dimensionare un gruppo elettrogeno

Parliamo di generatori nella fascia 2-6 kW idonei all'uso domestico. Vengono chiariti i concetti di kW, kVA . Vengono spiegate le differenze tra i gruppi elettrogeni diesel e benzina. Troverete inoltre consigli e link utili per avere una visione d'insieme. Spieghiamo cosa é il quadro ATS, come si collega e come andrebbe utilizzato nel caso di collegamento di un gruppo elettrogeno stazionario oppure portatile. Sono presenti links per l'acquisto di componenti o intero sistema automatico. Nella figura un gruppo elettrogeno a benzina con motore Honda GLX270 di tipo insonorizzato. [1] CARROZZERIA INSONORIZZANTE  [2] PE VENTILAZIONE MOTORE   [3]  RUOTE PER IL TRASCINAMENTO SU BREVI TRATTI  [4] SPINA QUADRO ATS  [5] VANO BATTERIA   [6]  CHIAVE PER AVVIAMENTO LOCALE  [7] SERBATOIO DELLA BENZINA

COMPERA UN GRUPPO ELETTROGENO PER LA CASA DA 3 kW O 5 kW

COSA SONO E COME FUNZIONANO I QUADRI ATS

Come dimensionare un gruppo elettrogeno quanti kW o kVA sono necessari in emergenza?

COSA VUOLE DIRE KW DI UN GENERATORE

 Se ragionate in termini di KW non sbagliate mai. Il kilowatt indica la potenza disponibile per il vostro uso. Un faro da 500 watt illumina una intera corte. Un lampada da tavolo da 20 Watt illumina il vostro libro. Una stufa da 2000 Watt scalda una stanza. Un ferro da stiro da 1800 watt è potente. Un trapano da 400 watt riesce a fare un buco da 6 mm in una parete. Un trapano da 2000 Watt con la percussione riesce a fare un buco da  32 mm nel cemento. WATT=capacità di fare un lavoro per almeno un secondo!!

Se tengo accesa una stufa da 1000 watt per un'ora ho consumato un kilowattora di energia! Questo per dare alla vostra mente parametri indicativi dei Watt (simbolo=W). Il kiloW ci aiuta a togliere degli zeri! 2000W sono 2kW 10,000W sono 10kW. Dal punto di vista elettrico la potenza in KW si ottiene moltiplicando la tensione elettrica e la corrente elettrica. Una stufa da 1KW è il risultato di una tensione da 230V e di una corrente che circola di 4,3Ampere circa (230x4,3=1000).

Questo solo nel caso in cui si tratta di utenze con un assorbimento indipendente dall'uso che ne fate: esempio una stufa elettrica. Nel caso del trapano,  ed altri ancora il calcolo Tensione x Corrente non risulta sufficiente. Il trapano comincia ad assorbire corrente nel momento che iniziate a fare il buco! Se lo lasciate girare a vuoto il consumo è molto molto inferiore.  Ecco la necessità dell'introduzione dei KVA.

COSA SIGNIFICA LA POTENZA     COSA SONO I VA ED I KVA

VISITA LA PAGINA DEI QUADRI AUTOMATICI PER GRUPPI ELETTROGENI

COSA VUOLE DIRE KVA PER UN GRUPPO DOMESTICO

Questo termine è usato per i gruppi elettrogeni industriali. Devono infatti tenere conto della connessione di  motori elettrici, gruppi di continuità, stabilizzatori ed altri macchinari particolari. Questi macchinari hanno la necessità di una elevata potenza alla partenza con considerevoli flussi di corrente che non comportano un consumo di energia reale in termini di kW! Questo strano fenomeno però richiede una potenza 'EXTRA' che il gruppo elettrogeno deve sapere necessariamente erogare! In questi casi oltre a tenere in considerazione la tensione e la corrente, si considera la capacità di erogare una una corrente molto superiore alla stretta necessità del calcolo dei KW. Ad esempio un buon gruppo elettrogeno da 10,000W (10KW) deve essere in grado di erogare 13KVA.

Una potenza il 20% - 25% superiore. Il KVA esprime quel 'qualcosa di potenza in piu' che deve sapere dare il gruppo elettrogeno per potere fare funzionare il carico collegato. Potrei avere 2 gruppi elettrogeni ambedue da 10KW ma se uno è in grado di fornire solo 11KVA non è adeguato allo scopo.

RICAPITOLANDO: per l'uso domestico non avete necessità di KVA vi occorrono i KW!! Attenzione non confondete un gruppo elettrogeno da 9kVA con 9kW. Un gruppo elettrogeno da 9KA è in grado di fornire solo 7,2kW. Un gruppo da 6KVA è in grado di erogare circa 4000W (4kW). OCCHIO AI PREZZI ED AGLI INGANNI.

Come dimensionare un gruppo elettrogeno in base ai kW per la mia casa

 Fare i calcoli basandosi sui consumi di tutti gli elettrodomestici e tutte le varie combinazioni possibili è una pura perdita di tempo.  Meglio affrontare il problema da una altra ottica: cosa voglio alimentare in caso di black out? Lo speculare il Watt non porta a nulla. La cosa bizzarra è che non sono solo i KW che determinano il costo totale del sistema nel corso degli anni. Elenco alcuni casi:

1- CASA POTENZA INSTALLATA 3kW 

In questo caso se non avete pompe sommerse da alimentare potete optare per un gruppo elettrogeno da 2000W. Potrebbe essere idoneo anche un gruppo elettrogeno portatile da 1000W (il quadro EVOLVE è in grado di gestirlo, ma deve essere correttamente programmato). Potete collegare il quadro in modo che il gruppo elettrogeno alimenti solo quello che vi interessa durante il black out. Usando un generatore da 4kW potete alimentare tutto l'impianto in tranquillità.

2- CASA POTENZA INSTALLATA 4,5kW

Anche qui se vi interessa alimentare solo un paio di utenze indispensabili potrebbe essere idoneo un gruppo elettrogeno portatile da 2000W (il quadro EVOLVE è in grado di gestirlo). Potete collegare il quadro in modo che il gruppo elettrogeno alimenti solo quello che vi interessa durante il black out. Usando un generatore da 4kW per essere tranquilli dovete avere cura di scollegare utenze non strettamente necessarie. Se avete delle pompe sommerse cercate di organizzare l'impianto per dare loro precedenza. Un generatore da 6KVA (4200W) sarebbe la soluzione ideale.

3- CASA POTENZA INSTALLATA 6kW

Dipende se avete necessità di tutta questa potenza durante il black out. Certamente se avete un paio di pompe sommerse la soluzione ideale sarebbe un 9kVA (7200W). Questo gruppo elettrogeno vi garantisce un margine di sicurezza. Nulla vieta, se l'elettricista è in grado di isolare i carichi strettamente necessari, di usare un gruppo portatile da 1000W. Anche in questo caso programmare il quadro EVOLVE con i parametri del generatore portatile.

4- ALIMENTARE LE POMPE SOMMERSE

Questo è un argomento 'scottante' specie se il mancato funzionamento potrebbe portare ad allagamenti estremamente dannosi. Di solito in applicazioni critiche ci sono 2 elettropompe. Dipende dal valore che dovete proteggere. Consigliamo un gruppo elettrogeno Diesel da 4 kW (6KVA). Per garantire la partenza delle pompe, la potenza del generatore deve essere almeno doppia. Si possono adottare soluzioni complesse: gruppo elettrogeno e gruppo di continuità. Ma non è la sede per tale argomento. Occorrerebbe installare un dispositivo che permetta la partenza di una pompa per volta (mai in contemporanea). Il quadro EVOLVE ha la funzione di attivare le pompe in sequenza. In questo modo in caso di black out, le pompe si attivano in sequenza.

Come dimensionare un gruppo elettrogeno: DIESEL, GAS o BENZINA?

BENZINA

 Il gruppo elettrogeno a benzina è consigliato per usi limitati di tempo ma con buona frequenza di utilizzo. Quindi non esclusivamente in casi di black out. Ha il vantaggio di essere facilmente insonorizzabile e sul mercato trovare anche piccole potenza a prezzi economici. Per mantenerlo in buona efficienza occorre usarlo spesso, anche se non se ne ha necessità. Tradotto in italiano: costo di esercizio!

ATTENZIONE ALLA SICUREZZA ED ALLE PROBLEMATICHE DEL GRUPPO ELETTROGENO A BENZINA

Lo svantaggio più grande è che il motore a benzina, se non utilizzato per lunghi periodi, ha problemi enormi di partenza. Questo è dovuto alle particolarità chimiche della benzina. Occorre sempre carburante 'fresco' ed occorre avviare regolarmente il motore. Il quadro EVOLVE ha un menu programmabile dedicato ai motori a benzina. Potete stabilire il giorno e l'ora in cui farlo partire (esempio il sabato mattina alle 10!). Altro aspetto da non sottovalutare sono i rischi della benzina e dei canestri di riserva con la benzina.  Consigliamo di leggere la nostra pagina sulla sicurezza del gruppo elettrogeno.

GAS

 Questo è veramente un aspetto interessante. Il quadro EVOLVE dispone di un software speciale per la gestione dei motori a GAS. Il nostro parere è favorevole ai motori a GAS alla condizione che siano motori nati di fabbrica con l'impianto per il GAS. Non possiamo addentrarci negli aspetti della pericolosità del GAS; non è la nostra attività. Possiamo dire che il motore a GAS ha un funzionamento più 'pulito' e permette un esercizio economico. In alcuni casi è una opzione conveniente quando dovete alimentare utenze consistenti e non volete modificare la potenza installata dal distributore pubblico di energia elettrica. Il quadro EVOLE ha la possibilità di ottimizzare l'uso del gruppo elettrogeno a GAS specialmente se il gruppo elettrogeno è utilizzato in un contesto di energie alternative. E' possible programmare una soglia di potenza prelevata dalla rete oltre la quale, EVOLVE comanda la partenza del gruppo elettrogeno. Il carico viene commutato al gruppo elettrogeno fino a quando scende al di sotto di una soglia programmata. Il carico viene trasferito di nuovo alla rete. Dopo il tempo di raffreddamento, il motore viene fermato.

DIESEL

 Se non siete sotto pressione da budget, la selezione di un gruppo elettrogeno diesel è la migliore possibile. Potete usare il gruppo elettrogeno anche per periodi prolungati. Il diesel ha costi di esercizio minori del motore a benzina. La partenza è sempre sicura e le parti elettriche e meccaniche non sono così complesse come il motore a benzina.

ATTENZIONE ALLA SICUREZZA ED ALLE PROBLEMATICHE DEL GRUPPO ELETTROGENO DIESEL

Il motore diesel ha il problema della rumorosità. Di solito i motori per piccoli gruppi elettrogeni hanno velocità di rotazione a 3000 giri al minuto. La problematica rumore è accentuata. Le versioni con buona insonorizzazione sono molto costose. Altro aspetto è l'inquinamento. Il motore diesel non ama funzionare a vuoto; si deteriora meccanicamente. In questo caso EVOLVE prevede la possibilità di eseguire prove periodiche a carico in modo da non lasciare il gruppo elettrogeno a 3000 giri a vuoto per lungo tempo. Quando avete un motore diesel, consigliamo sempre di avere una batteria di scorta mantenuta carica ed efficiente. Seguire con attenzione le raccomandazioni del costruttore della batteria.